Questo è quello che nella sostanza è contenuto nel Motu Proprio di papa Francesco che, è bene ricordare, ha validità nel solo Stato della Città del Vaticano. Pur ammettendo (essendo tra i rappresentanti delle 8 associazioni nazionali, di diversi paesi, ricevute dalla commissione prima del summit) che sono state accolte in qualche modo le nostre richieste, tra le prime quella dell’assistenza alle vittime che, come leggiamo nel documento, sarà gestita dalla Direzione di Sanità e Igiene del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, mi domando come potrà mai essere accessibile alle vittime di tutto il mondo, dovranno recarsi in Vaticano per ricevere assistenza?

Noi avevamo chiesto indennizzi che avremmo gestito nella nostra facoltà: queste sono  invece misure improponibili, persino ci venisse pagato il volo per andare in Vaticano dallo psicologo.

Anche riguardo all’applicazione delle norme penali: queste hanno validità solo all’interno di quell’appezzamento di circa un km quadrato che è la Città del Vaticano. Papa Francesco potrebbe applicarle immediatamente, dando giustizia ai chierichetti del papa, abusati proprio in Vaticano, nel pre-seminario, dove il motu proprio ha validità.

Nulla di nuovo nemmeno sul fronte dell’obbligo di denuncia, che viene rinnovato solo al Vaticano e non all’autorità civile.

Nel Motu Proprio di Francesco c’è ancora una verità vaticana: cambiare tutto, perchè tutto resti come è.

Quel tacito accordo tra lo Stato e la Chiesa che garantisce l’impunita dal carcere a sacerdoti Cattolici

No responses yet

Rispondi

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 760 altri iscritti
Articoli Recenti su: Rete L'ABUSO

Mercoledì 1 al Kenisa presentazione del podcast “La Confessione”

Mercoledì 1 al Kenisa presentazione del podcast “La Confessione”

Mercoledì prossimo, 1’ aprile, al Kenisa, ore 18:30 , si terrà la presentazione del podcast “La Confessione” che ricostruisce come la Chiesa italiana silenzia le denunce delle vittime, copre i preti sotto accusa e nasconde lo scandalo. Il lavoro firmato da Stefano Feltri, Giorgio Meletti e Federica Tourn racconta, con audio originali, la vicenda del […]

Rete L’ABUSO NEWS – Edizione 31 del 6 aprile

Rete L’ABUSO NEWS – Edizione 31 del 6 aprile

Francesco Zanardi – Ben quattro persone avrebbero coperto gli abusi di Frateschi Sarebbero state a conoscenza dei presunti abusi sessuali di cui è accusato Alessandro Frateschi almeno quattro persone, sulle quali indaga la Procura della Repubblica di Latina. Si tratta di due suore e due psicologi, che avrebbero saputo cosa faceva il professore di religione, […]

Scandalo Rupnik, cinque vittime denunciano gli abusi

Scandalo Rupnik, cinque vittime denunciano gli abusi

CITTÀ DEL VATICANO – Cinque denunce di presunte vittime dell’ex padre gesuita Marko Rupnik sono state depositate questa mattina al Dicastero della Dottrina della Fede dove è in corso una indagine. Nell’ottobre scorso, con una decisione clamorosa, era stato papa Francesco stesso a riaprire il caso dell’ex gesuita sloveno e noto mosaicista, disponendo una speciale […]

Prof arrestato per pedofilia: suore e psicologi sapevano degli abusi ma non lo hanno denunciato

Prof arrestato per pedofilia: suore e psicologi sapevano degli abusi ma non lo hanno denunciato

Sarebbero state a conoscenza dei presunti abusi sessuali di cui è accusato Alessandro Frateschi almeno quattro persone, sulle quali indaga la Procura della Repubblica di Latina. Come riporta Il Messaggero, si tratta di due suore e due psicologi, che avrebbero saputo cosa faceva il professore di religione, ma che non lo hanno denunciato. Il cinquantenne […]